Attimi di piacere

196-1-zoom-1-palloncini

Per sua natura l’essere umano ha una straordinaria capacità di provare piacere: quando gustiamo una fetta di torta, ci dissetiamo con acqua fresca di sorgente, ci lasciamo andare in un sonno profondo e rigenerante, quando ci abbandoniamo tra le braccia della persona amata… Anche il semplice circondarsi di persone fidate fa parte di quel meccanismo evolutivo che ci consente di provare piacere quando abbiamo a che fare con tutte quelle situazioni che favoriscono e promuovono la sopravvivenza e la riproduzione della nostra specie.

Siamo infatti motivati a svolgere un compito se in cambio riceviamo un incentivo, qualche cosa che ci fa stare bene; però in base a quelle che sono le nostre preferenze ognuno di noi potrà prediligere  ricompense diverse, ma anche crescendo cambiano i nostri desideri: pensiamo ad esempio a quando eravamo bambini e mamme papà ci permettevano di uscire a giocare con gli amici solamente dopo aver finito le faccende domestiche o i compiti scolastici; sicuramente oggi le nostre priorità saranno cambiate. Però il principio “Prima il dovere poi il piacere” non è solamente un modo di dire, ma anche una regola che fa parte della nostra natura umana che ci ha consentito di accrescere le nostre capacità; perché ciò sia possibile è però necessario che in cambio della realizzazione di un compito riceviamo una proporzionale ricompensa.

Ma perché non funziona sempre così? Il problema sta nel fatto che troppe volte ci auto-priviamo delle nostre ricompense, fatichiamo giorno dopo giorno, ora dopo ora, continuiamo a dare il meglio di noi, investiamo tutte le nostre energie, tutti i nostri sforzi, ma non ci concediamo il piacere che ne deriva. Quando però non ci dedichiamo adeguatamente al piacere tanto atteso che consegue alla realizzazione dei nostri obiettivi, ci abbandoniamo all’infelicità e i nostri desideri vengono soffocati.

Come fare? Cerchiamo di impegnarci ogni giorno a dare tempo e spazio adeguati al nostro piacere, impariamo a concederci più spesso ciò che amiamo dalla vita di modo da non sentire vanificati tutti i nostri sforzi. Non continuiamo a deprivare il nostro corpo e la nostra mente da ciò di cui abbiamo bisogno, senza per questo farci attanagliare dal nostro senso di colpa. Godiamo della vita e di ciò che ci fa stare bene, che sia un bagno caldo e profumato o un lungo bacio appassionato.

a cura di Jenna Colombo

Leave a Reply